Vi presento Sr. Sofia Lo Presti: una dolcissima missionaria che si trova in Africa da ormai 32 anni; oggi è superiora della missione di Tanga, che ospita bambini malati di AIDS.

Le piace parlare dei suoi bambini. La suora parla in particolare di un bambino che lei chiama “il pacchionello”: arrivò da loro all’età di 2 anni, e pesava 4 kg. Sr. Sofia ammette: “Ho avuto paura di toccarlo”. Il padre stesso era convinto che morisse, tanto che per un po’ di tempo non si è più recato in missione. Ora invece viene ogni settimana, perché il bambino si è ripreso. “Corre come un treno!”, racconta sorridendo Sr. Sofia. I medici sono rimasti meravigliati: “Cosa avete dato a questo bambino?”. E Sr. Sofia risponde semplicemente: “L’amore!”.

Racconta inoltre che “a Tanga la maggior parte della gente è di fede musulmana. Anzi, la maggior parte dei bambini presenti in missione sono musulmani: sono liberi di seguire la loro religione, il venerdì vanno a pregare, etc. La casa è aperta: i bambini non sono delle suore, ma di tutti“.

“Le persone vengono da noi mosse dalla curiosità, perché sanno che nel nostro orfanotrofio ospitiamo bambini malati di AIDS. Si aspettano di vederli mezzi morti. Ma, quando arrivano, trovano i bambini che danzano e ridono”.

“I bambini stessi raccontano ciò che hanno passato, sono coscienti delle malattie che hanno: loro sanno di essere malati. Eppure sono felici”.

Sr. Sofia racconta di una bambina di 12 anni che, quando venne portata in missione, pesava solo 8 kg. Chi avrebbe riposto in lei qualche speranza? Tuttavia la bambina si è ripresa, ora va a scuola: la sua vita è risorta.

Sr. Sofia ripensa ai suoi bambini e dice: “Sapete, è bello vederli sorridere: sono il sorriso di Dio”.

In Tanzania ci sono solo due istituti specializzati che si occupano di bambini malati di AIDS: uno si trova a Dodoma, e l’altro si trova a Tanga (la missione di Sr. Sofia). Tale missione è sorta solamente sette anni fa, eppure i risultati sono già ben visibili.

Un consiglio rivolto a chi vorrebbe andare in Africa? “La prima cosa che si dà è l’amore. Bisogna entrare nella loro mentalità, cercare di essere uno di loro”.


Qualche anno fa Sr. Sofia, quando ancora si trovava a Migoli, è stata ospite – in collegamento telefonico – della trasmissione di Rai Tre “Alle falde del Kilimanjaro”. Vi lascio qui sotto i link alle due parti dell’intervista.

Annunci

Una risposta »

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...